Skip to main content
Public Health

Newsletter Salute-UE n. 229 - Focus

La comunità medica preme per discutere del collegamento tra inquinamento atmosferico e salute

Veronica Manfredi, a capo della direzione Qualità di vita presso la direzione generale Ambiente della Commissione europea, parla delle misure promosse dall'UE per ridurre l'inquinamento atmosferico e i suoi effetti sulla salute, una questione sotto i riflettori in tutto il mondo.

Quali sono le dimensioni del problema dell'inquinamento atmosferico nell'UE? Si tratta di un problema principalmente esterno all'UE?

In India, a Nuova Delhi, i medici trovano adolescenti con polmoni anneriti e danneggiati tanto quanto quelli dei settantenni negli anni '80. Sì, si tratta dell'India e nell'UE fortunatamente abbiamo una legislazione che prevede limiti per l'inquinamento atmosferico, ma nonostante questo, più di 130 città europee non soddisfano tutte le norme. In alcuni casi, nelle ore di punta l'inquinamento atmosferico delle aree urbane può raggiungere gli stessi livelli riscontrati a Nuova Delhi.

L'inquinamento atmosferico è un problema a livello mondiale. Le stime dell'OMS indicano che più di 4,2 milioni di morti premature all'anno sono attribuibili all'inquinamento atmosferico esterno. Per quanto riguarda l'Europa, l'Agenzia europea dell'ambiente ritiene che ogni anno si verifichino oltre 400 000 morti premature dovute soprattutto a particolato, biossido di azoto e ozono.

Che cosa ha fatto fino a ora l'UE per affrontare il problema dell'inquinamento atmosferico?

Abbiamo una legislazione che istituisce obiettivi di qualità dell'aria, si impegna a limitare le emissioni a livello nazionale e definisce norme in merito alle principali fonti di inquinamento. Inoltre, concediamo finanziamenti per sostenere misure a favore della qualità dell'aria. Per esempio, per il periodo 2014-2020 sono stati stanziati a questo scopo 1,8 miliardi di euro nell'ambito dei Fondi strutturali e di investimento europei. Anche altri tipi di finanziamenti, come l'investimento di 45 miliardi di euro nell'economia a basse emissioni di CO2, possono contribuire indirettamente a migliorare la qualità dell'aria.

I finanziamenti sono un incentivo: sono la famosa carota, ma abbiamo anche il bastone. Abbiamo la possibilità e il dovere di adire le vie legali per far valere le norme dell'UE e i casi di violazione potrebbero essere portati davanti alla Corte di giustizia. Attualmente, siamo fortemente preoccupati riguardo a 30 casi in 20 Stati membri in cui continuano a essere superati i limiti legali per il particolato, il biossido di azoto e l'anidride solforosa.

Tuttavia, è importante ricordare che l'azione legale è semplicemente uno dei mezzi per raggiungere l'obiettivo; ce ne sono anche altri. Facilitiamo infatti la condivisione delle buone pratiche, per esempio istituendo o partecipando attivamente a diverse reti specifiche e organizzando insieme agli Stati membri dialoghi sull'aria pulita e sul riesame dell'attuazione delle politiche ambientali.

Quali ulteriori misure potrebbero essere adottate?

È necessario cercare di ridurre ulteriormente le emissioni in tutti i settori economici, come industria, trasporti, riscaldamento domestico e agricoltura. Per quanto riguarda quest'ultima, dobbiamo diminuire l'uso di ammoniaca e di nitrati nei fertilizzanti, per contenere l'inquinamento atmosferico e delle acque.

È ormai tempo che in tutta l'Unione europea vengano rispettate le norme di qualità dell'aria. Dobbiamo inoltre migliorare ancora più sensibilmente la qualità dell'aria esterna, avvicinandoci ai livelli raccomandati dall'OMS.

La situazione sembra estremamente grave. Ci sono buone notizie?

Sì: sappiamo che la politica "Aria pulita" funziona! Grazie agli sforzi congiunti dell'UE e delle amministrazioni nazionali, regionali e locali, negli ultimi decenni l'inquinamento atmosferico in Europa è diminuito. Anche le emissioni di inquinanti si sono ridotte in maniera significativa, perfino durante un periodo di costante e forte crescita economica. Abbiamo intrapreso il percorso giusto, ma abbiamo ancora della strada da fare. Il nostro scopo è dimezzare le emissioni inquinanti entro il 2030 con gli impegni nazionali di riduzione sanciti dal diritto dell'Unione e perciò diminuire gli effetti sulla salute della metà rispetto al 2005.

Per raggiungere questo obiettivo è necessario agire ora. Gli Stati membri devono adottare programmi ambiziosi e dare loro completa attuazione, e la comunità medica deve fornire il massimo supporto e impegno.

Attività a livello dell'UE

Ambiente

Commissione europea - Ambiente

Aria pulita

Commissione europea - Ambiente

Programma LIFE

Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese

Notizie

Bilancio dell’UE: la Commissione propone di aumentare i finanziamenti a sostegno dell'ambiente e dell'azione per il clima

Nel prossimo bilancio a lungo termine dell'UE per il periodo 2021-2027 la Commissione propone di aumentare di quasi il 60% la dotazione di LIFE, il programma dell’UE per l’ambiente e l’azione per il clima.

Programma LIFE: stanziato un quarto di miliardo di euro per investimenti a favore di ambiente, natura e clima negli Stati membri

La Commissione ha approvato un pacchetto di investimenti di 243 milioni di euro in progetti del programma LIFE che, nella transizione dell'Europa a un futuro più sostenibile e a basse emissioni di CO2, proteggono la natura, l'ambiente e la qualità della vita.

Desideri per l'anno nuovo: i responsabili politici spiegano che cosa vogliono da LIFE

All'inizio dell'anno nuovo i responsabili politici che sostengono e promuovono il programma LIFE della direzione generale dell'Ambiente, compresa la direttrice della direzione Qualità di vita Veronica Manfredi, hanno spiegato che cosa si aspettano dal programma.

Limiti delle emissioni ambiziosi per le centrali elettriche porterebbero a una diminuzione significativa dell'inquinamento nell'UE

Secondo una nuova analisi dell'Agenzia europea dell'ambiente stabilire limiti delle emissioni rigorosi ma realistici nel settore dell'energia potrebbe ridurre le emissioni dei principali inquinanti del 79-91% entro il 2030.

Qual è la qualità dell'aria che respiriamo?

Con l'indice europeo di qualità dell'aria è possibile selezionare il proprio paese e controllare la qualità dell'aria a partire dalle ultime 6 ore fino alle 48 ore precedenti.

Norme dell'UE in materia di qualità dell'aria disponibili online

L'UE ha sviluppato un ampio corpus di atti legislativi che stabilisce norme e obiettivi in materia di salute per una serie di inquinanti presenti nell'aria e che è qui sintetizzato.

Quali misure dell'UE sono disponibili per aiutare gli Stati membri a contrastare l'inquinamento atmosferico?

Consulta la comunicazione della Commissione europea "Un'Europa che protegge: aria pulita per tutti" che definisce le misure disponibili per aiutare gli Stati membri a ridurre l'inquinamento atmosferico.

Quale legislazione dell'Unione europea disciplina l'inquinamento atmosferico?

La legislazione dell'UE su qualità dell'aria, inquinamento atmosferico, veicoli terrestri a motore e altri veicoli è disponibile online. Nella sezione "qualità dell'aria" troverai la direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell'aria e per un'aria più pulita in Europa.

Video YouTube sul programma di azione europeo a favore dell'ambiente fino al 2020

Nove persone su dieci nel mondo respirano aria inquinata, ma sempre più paesi stanno reagendo

I livelli di inquinamento atmosferico rimangono pericolosamente elevati in molte parti del mondo. Nuovi dati dell'OMS dimostrano che nove persone su dieci respirano aria contenente alti livelli di inquinanti.

Oltre il 90% dei bambini nel mondo respira aria tossica ogni giorno

Il 93% dei bambini di tutto il mondo sotto i 15 anni (ovvero 1,8 miliardi) respira un'aria così inquinata da essere un pericolo per la salute e lo sviluppo. L'OMS stima che nel 2016 circa 600 000 bambini sono morti a causa di infezioni acute delle vie respiratorie inferiori causate dall'aria inquinata.

Il prossimo forum dell'UE "Aria pulita" si svolgerà a novembre 2019

La Commissione sta organizzando un secondo forum dell'UE "Aria pulita" a Bratislava in stretta collaborazione con il ministero dell'Ambiente della Repubblica slovacca. Il forum si concentrerà su qualità dell'aria ed energia, qualità dell'aria e agricoltura e meccanismi di finanziamento per l'aria pulita.

La settimana europea dell'energia sostenibile, la conferenza sulla politica energetica e i premi per l'energia sostenibile si terranno a Bruxelles a giugno

Le scadenze per ospitare una sessione o un'attività di networking sono fissate per questo e il prossimo mese. Consulta le linee guida e presenta la domanda per i premi entro l'11 febbraio!

Altri link interessanti

Qualità dell'aria in Europa - relazione 2018

Atlante urbano delle polveri sottili (Urban PM2.5 Atlas): Qualità dell'aria nelle città europee

Prima conferenza mondiale dell’OMS sull'inquinamento atmosferico e la salute (30 ottobre - 1º novembre 2018)

Organizzazione mondiale della sanità - Inquinamento atmosferico

Agenzia europea dell'ambiente - Inquinamento atmosferico