Skip to main content
Public Health

Il cancro è una delle principali priorità della Commissione europea nel settore della salute. Nei suoi orientamenti politici la presidente Von der Leyen fa riferimento a "un piano europeo di lotta contro il cancro, per aiutare gli Stati membri a combatterlo più efficacemente e a migliorare le cure" per ridurre le sofferenze causate da questa malattia e per far sì che l'Europa assuma un ruolo guida nella lotta contro il cancro.

La politica dell'UE in materia di cancro

La lettera di incarico della commissaria per la Salute Stella Kyriakides indica la necessità di sostenere i paesi dell'UE nella loro azione per prevenire e curare il cancro.

Il piano europeo di lotta contro il cancro presentato nel febbraio 2021 costituisce la risposta dell'UE alle sfide e agli sviluppi crescenti in materia di controllo del cancro e rappresenta un impegno a non lasciare nulla di intentato per combattere questa malattia. Costruito intorno a dieci iniziative faro e a diverse azioni di sostegno, rientra tra le proposte della Commissione per una Unione europea della salute più forte allo scopo di assicurare un'UE più sicura, meglio preparata e più resiliente.

Il piano europeo di lotta contro il cancro sostiene l'attività svolta dagli Stati membri per prevenire il cancro e garantire un'elevata qualità della vita ai pazienti oncologici, ai sopravvissuti, ai loro familiari e a chi li assiste ed è strutturato intorno a una serie di settori principali nei quali l'UE può fornire un valore aggiunto più rilevante:

  • prevenzione
  • diagnosi precoce
  • diagnosi e terapie
  • qualità della vita dei pazienti oncologici e dei sopravvissuti.

Il piano di lotta contro il cancro è collegato ad altre priorità della Commissione, in particolare la strategia farmaceutica per l'Europa e la strategia dell'UE dal produttore al consumatore, nonché il previsto spazio europeo dei dati sanitari (atteso per il 2025). Il cancro è una delle missioni europee di ricerca e innovazione proposte e dal 2021 rientrerà nel quadro Orizzonte Europa.

Nell'ambito del gruppo direttivo per la promozione della salute, la prevenzione delle malattie e la gestione delle malattie non trasmissibili è stato istituito un sottogruppo sul cancro, copresieduto con la direzione generale Ricerca e innovazione. Il mandato di questo sottogruppo è stato approvato dalla Shadow Health Configuration del comitato del programma Orizzonte Europa e del gruppo direttivo per la promozione della salute, la prevenzione delle malattie e la gestione delle malattie non trasmissibili.

Il programma EU4Health (2021-2027) fornirà sostegno finanziario e tecnico agli Stati membri contribuendo ai loro sforzi per rafforzare i sistemi sanitari.

Il cancro è uno dei principali problemi sanitari come indicato all'articolo 168 del TFUE, che conferisce all'UE la competenza di sostenere, coordinare o completare l'azione degli Stati membri per la protezione e il miglioramento della salute umana.

La Commissione europea si occupa di cancro dal 1985 assieme agli Stati membri dell'UE e alla società civile, in stretta collaborazione con l'Organizzazione mondiale della sanità, il Centro comune di ricerca e l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro.

Il cancro: un approccio comune

Il cancro è la seconda causa di mortalità nei paesi dell'UE dopo le malattie cardiovascolari. Ogni anno questa malattia viene diagnosticata a 2,6 milioni di individui ed uccide 1,2 milioni di persone.

Considerato che l'Europa conta quasi un quarto dei casi totali di cancro e meno del 10% della popolazione mondiale, è evidente che il cancro rappresenta un'enorme minaccia per la nostra società. L'impatto economico complessivo del cancro in Europa ammonta a 100 miliardi di euro all'anno.

I dati indicano che il 40% dei tumori può essere prevenuto mettendo in pratica quanto già sappiamo. Tuttavia, solo il 3% dei bilanci sanitari viene attualmente speso per promuovere la salute e prevenire le malattie. Vi sono pertanto amplissimi margini di manovra.

Intervenire sulla prevenzione del cancro e a favore di stili di vita sani aiuta inoltre a combattere l'obesità e altre malattie non trasmissibili come quelle cardiovascolari e il diabete, dato che presentano dei fattori di rischio comuni.

Secondo le relazioni sullo Stato della salute nell'UE, il cancro è una delle principali cause di decesso prematuro nell'UE. Oltre a incidere sulla salute individuale esercita anche un notevole impatto sociale ed economico.

Questa malattia mette sotto pressione i sistemi sanitari e di protezione sociale nazionali, i bilanci governativi e incide sulla produttività e la crescita dell'economia. Perciò occorrono dei sistemi sanitari più resilienti. In particolare, per sostenere gli Stati membri che hanno più bisogno di politiche basate su elementi concreti, al fine di garantire che tutti i cittadini dell'UE abbiano pari accesso a prevenzione, diagnosi, cure e assistenza successiva di elevata qualità.

Una serie di risultati ha favorito un approccio comune alla lotta contro il cancro nell'UE. Di seguito sono riportati i link ai documenti su cui l'azione e gli interventi di sostegno dell'UE si basano per aiutare i paesi membri e le parti interessati a invertire la tendenza nella lotta al cancro.

Quadro politico

Iniziative in materia di prevenzione e controllo del cancro

Le iniziative coordinate dal Centro comune di ricerca della Commissione nel settore della prevenzione e del controllo del cancro comprendono:

Il finanziamento del programma per la salute contribuisce alle reti di riferimento europee sui tumori e alle azioni congiunte riguardanti:

Informazioni correlate

To support countries in reaching the health targets of the Sustainable Development Goals, the Commission has established a Steering Group on Health Promotion, Disease Prevention and Management of Non-Communicable Diseases (“the Steering Group”).

The Steering Group provides advice and expertise to the Commission on developing and implementing activities in the field of health promotion, disease prevention and the management of non-communicable diseases. It also fosters exchanges of relevant experience, policies and practices between the Member States.

Steering Group activities

The activities of the Steering Group are intended to facilitate the implementation of evidence-based best practices by EU countries, in order to ensure that the most up-to-date findings and knowledge are being put into practice.

The Steering Group advises the Commission in the selection of best practices and in making better use of research results to support their transfer and scaling up at the national and European level. The EU Health Programme or other financial instruments of the EU support the implementation and transfer of best practices.

As part of the process, the Commission presents to the Steering Group tested policies and approaches selected according to national and EU priorities and based on agreed-upon criteria. EU countries indicate which of these they are interested in implementing or scaling-up. The Commission launches open calls for best practices according to priorities of the SGPP. The calls can be accessed on the Best Practice Portal. The Commission then identifies the best ways to support the implementation of these policies, using all available instruments at the Commission's disposal.

The Commission may also set up sub-groups for the purpose of examining specific questions. These groups operate for a limited period of time, and on the basis of agreed mandates. They report to the Steering Group.

The Commission Decision setting up a Commission expert group "Steering Group on Health Promotion, Disease Prevention and Management of Non-Communicable Diseases” provides additional information on its role and its areas of work. The Steering Group is chaired by the Commission and the members are representatives of the Member States.

Implementation of best practices

Nutrition and Physical Activity:

Rare Diseases:

Mental Health:

Cancer:

  • EU Colorectal Cancer Screening - Implementation of guidelines within the screening programmes in Italy, Slovakia and Romania (technical support instrument)
    Related information : Health and long-term care (europa.eu)

Integrated Care:

Policy implementation

Work has been carried out in a number of areas, in particular on:

The Steering Group has already selected an initial set of policy interventions that will be implemented by multiple EU countries, and is selecting the next priority areas for the implementation of best practices. Its activities will also be linked to the ongoing work of the WHO and the OECD.

Interested parties in the field can actively participate in discussions via the Health Policy Platform, in particular the Non-Communicable Diseases Network.

Resources

The Steering Group's work will be supported by online resources on health promotion and the prevention and management of non-communicable diseases, such as: